All'interno
Home / Spazio transnazionale / Londra: L’arresto di Julian Assange e la proporoga sulla Brexit al 31 ottobre

Londra: L’arresto di Julian Assange e la proporoga sulla Brexit al 31 ottobre

Alessandra Rizzo (Giornalista di Sky News) in collegamento da Londra racconta a RadioRadicale le due importanti notizie viste da Londra.

Il giornalista australiano Julian Assange, fondatore di Wikileaks, è stato arrestato a Londra nell’ambasciata dell’Ecuador, dove si trovava da 7 anni, dopo che il Paese sudamericano gli ha revocato l’asilo. Protesta Wikileaks, che ha accusato la Cia: “Revoca illegale”. Il presidente dell’Ecuador: “Non sarà estradato dove c’è pena morte”. “C’è la richiesta di estradizione da parte degli Usa”, ha annunciato l’avvocato di Assange.

“I 27 ed il Regno Unito hanno concordato una proroga flessibile fino al 31 ottobre. Questo significa ulteriori sei mesi per il Regno Unito per trovare la migliore soluzione possibile”, ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk. Qualcuno l’ha già ribattezzata una Halloween-Brexit, perché le lancette dell’orologio del divorzio del Regno Unito ora sono spostate al 31 ottobre. Otto ore di lavori, tante ce ne sono volute ai 27 capi di stato e di governo Ue, al vertice straordinario, per dare sei mesi di nuovo ossigeno a Theresa May e permetterle così di cercare una maggioranza per l’Accordo di divorzio a Westminster, evitando lo sfacelo di una separazione traumatica, che secondo il vecchio calendario si sarebbe compiuta domani.

Ascolta anche

Caos Medioriente: Tensione con l’Iran, soldati USA nell’area, Egitto: stato d’emergenza

Usa valutano invio di truppe in Medio Oriente dopo l’attacco alle due petroliere nel Golfo …

radioradicale.it