All'interno
Home / Spazio transnazionale / Torna il terrorismo a Parigi – In Iraq si è votato dopo la sconfitta di ISIS

Torna il terrorismo a Parigi – In Iraq si è votato dopo la sconfitta di ISIS

Nel corso del notiziario di RadioRadicale, l’analisi sui fatti di Parigi e sulle elezioni in Iraq di Alberto Toscano (Saggista e giornalista) e di Giordano Stabile (Corrispondente per La Stampa dal Medio Oriente).

Parigi. E’ tornato il terrore a Parigi, in pieno centro, a due passi dal teatro dell’Opera: un uomo, gridando “Allah Akbar!” ha accoltellato i passanti di una via piena di gente al sabato sera, per una serata di primavera. La polizia ha reagito in pochi secondi, abbattendo l’assalitore, un ceceno di 21 anni, incensurato ma schedato “S” “per la sua vicinanza agli ambienti radicali islamici”.

Iraq. Il partito guidato dal primo ministro Haider al-Abadi sarebbe in testa nei primi risultati delle elezioni svoltesi ieri in Iraq, le prime dopo la sconfitta militare dello Stato islamico all’interno del paese. Stando alle indiscrezioni raccolte dalla Reuters da fonti interne alla commissione elettorale la lista del premier sarebbe seguita da quella dello sciita Moqtada al Sadr. I risultati ufficiali sono attesi per lunedì, per quelle che appaiono le elezioni più incerte dalla caduta violenta di Saddam Hussein. L’affluenza è stata molto bassa, attorno al 45%. L’uomo da battere nelle urne è il premier in carica al-Abadi, uscito dal partito di maggioranza Dawla, per fondare una lista laica, nazionalista e confessionalmente trasversale, battezzata “Vittoria” per sfruttare l’immagine della vittoria militare ottenuta nei confronti dei miliziani dell’Isis.

Ascolta anche

Gaza. Il giorno dei funerali dopo la strage

Davide Frattini (Corrispondente per il Corriere della Sera da Gerusalemme) in collegamento da Gaza, Rolla …

radioradicale.it