All'interno
Home / Spazio transnazionale / Siria: Trump attacca insieme a Londra e Parigi

Siria: Trump attacca insieme a Londra e Parigi

A RadioRadicale le prime notizie sull’attacco in Siria commentate da Giordano Stabile (Inviato de La Stampa in Medio Oriente), Giampiero Gramaglia (Direttore di Affari Internazionali), Stefano Polli (Vice Direttore dell’Ansa) e Mariano Giustino (Corrispondente per RadioRadicale dalla Turchia).

Conducono Roberta Jannuzzi (Giornalista di RadioRadicale) e Francesco De Leo

Donald Trump ha sciolto le riserve e, a una settimana dall’attacco chimico alla città siriana di Duma, ha ordinato la rappresaglia in stretto coordinamento con Londra e Parigi. Lo ha fatto in diretta tv in un drammatico discorso alla nazione, in cui ha insistito sulla necessità di agire contro i crimini e la barbarie perpetrati dal regime di Bashar al Assad, definito “un mostro” che massacra il proprio popolo. E, come raccontano alcuni testimoni, i primi missili Tomahawk cadevano su Damasco e Homs proprio mentre il presidente americano stava ancora parlando, intorno alle 22 ora di Washington, le tre del mattino in Italia. Per ora si è trattato di una ‘one night operation’, un’operazione unica durata poco più di un’ora, nel corso della quale sono stati colpiti principalmente tre obiettivi, come ha spiegato il Pentagono: un centro di ricerca scientifica a Damasco, un sito di stoccaggio per armi chimiche a ovest della città di Homs e un importante posto di comando situato nei pressi del secondo obiettivo. I missili sono partiti sia da alcuni bombardieri sia da almeno una delle navi militari americane posizionate nelle acque del Mar Rosso.

Ascolta anche

La Svezia alla ricerca di un Governo. Corazza Bildt a RadioRadicale

Anna Maria Corazza Bildt (Eurodeputata per il Partito Moderato svedese) in collegamento da Strasburgo e …

radioradicale.it