Home / Spazio transnazionale / La storia di Mostafa Milani. Così aiuto dall’Iran la caccia ai terroristi
Jalal El Hanoui

La storia di Mostafa Milani. Così aiuto dall’Iran la caccia ai terroristi

Mostafa Milani Amin (Chierico sciita iraniano) in collegamento telefonico da Qom (Iran) racconta a Spazio transnazionale il suo operato contro il terrorismo internazionale. Dopo indagini sulla rete, segnala sulla sua pagina facebook le identità dei sospetti, alcuni dei quali sono stati arrestati dalla polizia italiana.

Questo il testo di un articolo del Corriere della Sera che parla di lui:

Mostafa Milani, hojjatoleslam sciita di origine iraniana ma italiano d’adozione, ha trasformato la sua vita in una trincea. Con la stessa grinta di Simon Wiesenthal nello scovare criminali nazisti, il religioso sciita si è trasformato in un cacciatore dei fanatici che la stragrande maggioranza dei musulmani definisce takfiri, ovvero colpevoli di apostasia. Il governo italiano li chiama jihadisti o sostenitori del califfato, e basta un tweet per finire sull’elenco dei cattivi. Le sue ultime vittime sono Jalal El Hanoui e Brahim Boufares: il primo è stato arrestato a Pisa, il secondo espulso dall’Italia. Li aveva già segnalati sulla sua pagina Facebook, letta costantemente dalle forze dell’ordine. «Faccio solo il mio dovere di essere umano, spiega, il terrorismo è così terribile che chi non lo combatte ne è colpevole, e questo è il minimo che posso fare per l’Italia, paese che mi ha cresciuto». Anche ieri, Milani ha segnalato quattro profili, gli insulti non mancano. «Ricevo anche delle minacce ma io vado avanti, denuncio sulla mia pagina le persone da tenere d’occhio, la polizia segue e svolge lunghe indagini. Alcuni sono fanatici altri rischiano di diventare preda del Califfato se proseguono sulla direzione sbagliata». Secondo Milani, le cause sono ideologiche. «Credono in un Islam fasullo e sono spinti da personaggi molto noti nel mondo di internet che indottrinano i giovani al takfirismo. Ormai hanno messo da parte i complimenti e fanno propaganda pubblica, questo dimostra che la situazione è molto seria».© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Ascolta anche

E’ urgente SERVE SANGUE! Il Lazio sta rimanendo senza. DONA!

Anche da RadioRadicale l’invito a donare sangue del Direttore Generale dell’Ospedale Spallanzani di Roma, Marta …

radioradicale.it