All'interno
Home / Extra / Quando cambiò la diplomazia

Quando cambiò la diplomazia

170 anni fa l’avvento del telegramma decretò un primo cambio di paradigma per la diplomazia, ora sono i social network a dettarne un’ulteriore frontiera – la diplomazia della scacchiera oggi deve andare di pari passo con quella digitale – l’83% dei 193 paesi che siedono all’ONU è anche su Twitter – vantaggi e svantaggi della twiplomacy – twitter piattaforma scelta per condividere aggiornamenti negoziati sul nucleare iraniano da tutte le parti coinvolte – tre diplomatici israeliani sospesi per aver criticato sui social il PM Netanyahu – il sedicente Stato Islamico e la rete dei suoi sostenitori produce 90.000 tweet al giorno – il Center for Strategic Counterterrorism Comunications è guidata non a caso da Richard Stengel, ex caporedattore di Time Magazine

Luca Borsari, giornalista da Washington e capo redattore di Askanews, ha scritto per il nuovo numero di East l’articolo “La rivoluzione della Digital Diplomacy. La politica estera sviluppa un linguaggio per la conquista strategica del Web”. Per oltreradio ne anticipa i contenuti.

Ascolta anche

Elisabetta II Regina. Il libro

“Quando ero piccolo leggevo le storie di una principessa fatata. Esiste davvero”. Harry S. Truman, …

radioradicale.it